arrowhome arrow Gioia Costa arrow da Valère Novarina arrow Lettera per l'Atelier volant domenica, 15 dicembre 2019  






 
menu principale
 home
 il festival
 in repertorio
 - - - - - - -
 la notte delle donne
 i gesti di roma
 video
 galleria
 - - - - - - -
 contatti e prenotazioni
 - - - - - - -
 cerca
 crediti
 - - - - - - -
 l'associazione
 Gioia Costa
 traduzioni
 Face a face
 Premio Internazionale Maurizio Grande
 da Valère Novarina
indent Lettera per Devant la parole
indent Lettera per Le Théâtre des paroles
indent Lettera per Maurizio Grande
indent Lettera per l'Atelier volant
indent Lettera per La Scène
indent Lettera per L'Espace furieux
 nuove iridescenze
 prefazioni
 incontri

Newsflash

Lettera per l'Atelier volant   PDF  Stampa  E-mail 
Lettera a Gioia Costa

Lei lo sa, cara Gioia, per me essere tradotto in italiano è molto più che essere tradotto in una lingua straniera. Mi è sempre sembrato che esistesse un legame molto forte fra le due lingue - e fra l’una e l’altra molto più che una distanza, molto più che una prossimità: qualcosa come un’amorosa estraneità. L’esperienza della lingua italiana è molto importante, nutritiva, per gli scrittori francesi: tutti i nostri grandi scrittori del XVII secolo la frequentavano. L’italiano, per noi francesi, possiede una luce particolare, un vigore nuovo, un’ombra e una profondità.

Le scrivo non da Parigi, che è il luogo del francese centrale, ma dalla Savoia, da queste montagne che dominano il lago Leman e dove siamo nel punto in cui si incrociano le lingue: a qualche ora da qui si parla tedesco, a qualche ora l’italiano e, nelle campagne, si sente ancora qualcuno parlare il franco-provenzale…
E’ qui che spesso i miei libri sono cominciati, fra le montagne: in questo luogo isolato dove ho vissuto a lungo solo e dove fa molto freddo: adesso, dalla finestra, si vede la nebbia d’agosto… Il grano deve essere seppellito: il freddo, la morte, l’inverno precedono la germinazione. Al momento di cominciare un libro torno istintivamente in questo luogo solitario, questo luogo d’infanzia. Qui ho iniziato a scrivere all’età di nove anni - e fino a venti ho continuato a farlo senza che nessuno lo sapesse.
Scrivere era legato al segreto del segreto. Il lavoro di scrittura inizia nell’asfissia, nella sensazione di estraneità dello spazio - e nella sensazione che lo spazio manchi.

Qui ho ricevuto la grande lezione d’idiozia di Jean Dubuffet e dei pittori del museo dell’Art Brut che è dietro questa finestra, a Losanna. Ho esaminato da molto vicino gli scritti dei pazzi, gli stati aberranti del linguaggio; a lungo mi sono nutrito di tutto ciò che deviava: i dialetti, i gerghi, gli idiomi, le lingue incomprensibili e cifrate; ho raccolto molte iscrizioni, graffiti, tatuaggi. Ho conosciuto un uomo con un cartello addosso sul quale era scritto: “Il passato mi ha ingannato, il presente mi tormenta, il futuro mi spaventa”. E’ diventato uno dei personaggi del Drame de la vie. I libri cominciano con tre parole su un foglio, quasi nulla, cose trovate là, briciole, resti. E comincia una proliferazione, comincia una germinazione.

Quello che cerco da sempre è una specie di stato sorgivo della lingua: una primavera. Primavera in Savoia, in dialetto, si dice “saillefeu”: sporge, salta, esce fuori: feu, viene da foris… Non è il vocabolario francese catalogato ciò che mi interessa ma la forza che la lingua ha per germinare sempre e nascere di nuovo. Il suo potere di germinazione.
Non cerco le parole; non ho mai cercato di fare qualcosa con le parole; non le utilizzo; non sono attrezzi… Di fronte al linguaggio, le sensazioni appartengono all’ordine del tatto: qualche cosa vi tocca, là, dietro la testa, e parla. Sento la materialità di tutto. Le parole sono come noci, sassi, minerali che bisogna rompere per liberare una respirazione, per far apparire. Un intero libro deriva a volte da una sola parola spezzata. La parola è chiusa, avvolta, primitivamente sotterrata; qualcosa deve apparire dentro: all’interno della parola stessa e non all’interno di colui che scrive. Le parole ne sanno molto più di noi: basta prenderle fra le mani e avvicinarle all’orecchio.
I testi, all’inizio, sono chiusi in loro stessi, incomprensibili, in materia inerte, in alfabeto Morse, in nuclei ritmici chiusi. Poi lo spazio li respira, e appaiono le figure. Il lavoro comincia cieco, nella miopia, nel troppo vicino, nel contatto con il cuore della lingua; poi ci si allontana - e sorge lo spazio. E’ come nella pittura, dove tutto è visto all’inizio con le mani e da molto vicino, poi l’occhio indietreggia, il corpo si allontana.

Non c’è alcun gioco di parole in quello che scrivo. Le parole non sono oggetti manipolabili che si dispongono come cubi, ma sono tragitti, contraddizioni di forze, campi d’assenza, luoghi di richiamo, di presenza, di rimando. Esiste una dinamica verbale, una fisica-antifisica, nella quale siamo immersi: siamo di fronte a ondulazioni, a una materia innominabile, imprendibile, invisibile e molto concreta. Qui, nella lingua, è come se fossimo nel teatro della materia universale. Qui, incarnazione ha luogo al contrario: sarx, carne, torna ad essere logos, parola. C’è un’antimateria, e la si vede: tutto il linguaggio è in negativo; pensare è un capovolgimento… Quando si è al lavoro, nel linguaggio, si è in contatto con realtà primarie, proprio come i fisici; si è molto vicini a loro, ma dall’altra parte: a rovescio, nel muto, nella lingua a uno. Qui si ha a che fare, veramente e con le mani, con i fondamenti del pensiero, della nominazione, della respirazione, del reale. Ciò che spinge il linguaggio, la sua vita, la sua energia, nella nostra lingua e in tutte le lingue, è il verbo: il verbo spinge, libera, suscita, il verbo rovescia, il verbo chiama, distrugge, agisce; mette il senso in movimento e lo nega; libera il pensiero e la respirazione. Mi piacerebbe scrivere solo con verbi - e quasi niente nomi, aggettivi. Tutte cose verbate, coniugate, incrociate con lo spazio, in trasformazione e passanti. Nulla è temuto, tutto è in dialogo, in combattimento, contraddizione, respirazione, passaggio, rovesciamento. La lingua è il luogo di un dramma. Accanto a questo termine verbo, di atto attraverso la parola, sento passaggio e il termine Pasqua che ci viene dall’ebraico pessah: il salto, l’annegamento, la morte e la rinascita. In noi, nel più profondo, e nel fondo di tutte le lingue, del linguaggio: la sete di spogliarsi e di rinascere; nel più profondo di noi, il desiderio di traversata. Tutti ricordiamo di essere stati messi sulla terra per rinascere: basta ascoltare la nostra respirazione che ci parla in ogni istante di questo movimento di attraversare la morte.

Che è organico e molto vivo. Ciò che tocca il linguaggio non è affatto separato dalla materia. Nel profondo, le leggi che regolano la nostra lingua e quelle che regolano il mondo fisico sono le stesse. L’universo è una frase, è retto dalla parola: sprofonderebbe all’istante se non fosse parlato dal verbo che lo sostiene. Il reale è un linguaggio. E ciascuna delle nostre frasi, anche la più povera delle nostre frasi, mi sembra sia galattica, ogni parte della nostra lingua come un universo in miniatura. Qui c’è un viaggio della carne fuori dal corpo umano attraverso la voce. Un exit, un esilio, un esodo e una consumazione. Un corpo che se ne va, che si disperde, che passa attraverso la voce. Attraverso la parola, qualcosa di più vivo di noi viene trasmesso. “Attraverso la parola, la liberazione”. Tutti gli umani lo sanno: il messia, è la parola.

Le Col du Feu, 19 luglio 1998

(Costa & Nolan, Milano 1998)

visite
390417 Visitatori

utenti collegati
Abbiamo 4 visitatori in linea

 
top

Miro International Pty Ltd. © 2000 - 2004 All rights reserved. Mambo Open Source is Free Software released under the GNU/GPL License.
design by mambosolutions.com