arrowhome arrow in repertorio arrow Cronache della Repubblica Romana domenica, 16 dicembre 2018  






 
menu principale
 home
 il festival
 in repertorio
 Roma 1849
 Cristina di Belgiojoso
 una fiaba
 Napoléon et l'Italie
 Cronache della Repubblica Romana
 fuga da regina coeli
 - - - - - - -
 la notte delle donne
 i gesti di roma
 video
 galleria
 - - - - - - -
 contatti e prenotazioni
 - - - - - - -
 cerca
 crediti
 - - - - - - -
 l'associazione
 Gioia Costa

Newsflash

Cronache della Repubbilca Romana   PDF  Stampa  E-mail 

CRONACHE DELLA REPUBBLICA ROMANA

CRISTINA DI BELGIOJOSO  E  GOFFREDO MAMELI

 

Cristina di Belgiojoso  MARGHERITA BUY

Goffredo Mameli   BLAS ROCA REY

a cura di Gioia Costa

 

Palazzo Braschi Piazza San Pantaleo, 10 - Roma

mercoledì 16 marzo 2011

 

Due personaggi affascinanti: tutti e due di nobile famiglia, letterati, uniti dal fervente amore per gli ideali risorgimentali.

Lui, bello, biondo, idealista, sembrò voler assaporare avidamente tutto ciò che la vita poteva offrirgli, quasi conoscesse il suo destino: quando morì, a soli ventidue anni, aveva già scritto poesie, odi, commedie; era stato musicista e direttore di giornali; aveva scritto Il canto degli Italiani, l'Inno di Mameli, che divenne poi l'inno nazionale della Repubblica Italiana; era andato in aiuto di Nino Bixio durante l'insurrezione di Milano ed era stato capitano con Garibaldi; aveva abbracciato la causa della Giovane Italia e aveva combattuto per l'indipendenza.

Lei aveva raggiunto nella sua vita un successo impensabile per le donne di quell'epoca. Bella, potente, cosmopolita, aveva organizzato a Parigi un salotto letterario frequentato da Bellini, De Musset, Balzac; aveva creato asili nido e scuole maschili e femminili che suscitarono scandalo nei benpensanti dell'epoca; ardente patriota, era stata protagonista delle vicende dell'unificazione italiana; aveva pubblicato articoli per giornali, analisi di costume e saggi. Fra questi, e senza mai farsi vanto dei suoi successi, il trattato Della presente condizione delle donne e del loro avvenire, per indicare alle sue contemporanee la difficile, ma possibile, strada verso l'emancipazione.

Fra le tante sue esperienze, vi fu anche quella di infermiera negli ospedali militari che dirigeva: e il destino volle che proprio fra le sue braccia spirasse il bellissimo, giovanissimo, Goffredo Mameli.

 

Un progetto di Esplor/Azioni

in collaborazione con Michele D'Andrea

Direzione artistica Gioia Costa

Luci Stefano Di Nallo

Accoglienza Monica Guadagnini

 

Un ringraziamento a Novella Bellucci, Elena Somaré e Paola Sarcina

 

Nella replica delle ore 23 Margherita Buy sarà sostituita da Ermelinda Bonifacio


ingresso gratuito

 

 * * *


visite
360187 Visitatori

utenti collegati
Abbiamo 2 visitatori in linea

 
top

Miro International Pty Ltd. © 2000 - 2004 All rights reserved. Mambo Open Source is Free Software released under the GNU/GPL License.
design by mambosolutions.com